×
Contattaci per una prova gratuita:
+39 3453 53 44 23
Modalità suggerimenti è attiva Disattiva
Glossario

ISIN

Categoria — Parametri dell'emissione
The ISIN Code (acronimo di International Securities Identification Number) è un codice internazionale che identifica univocamente gli strumenti finanziari. L’ISIN è un codice standard utilizzato in tutto il mondo per identificare specifici titoli quali obbligazioni, azioni (ordinarie e privilegiate), futures, warrant, diritti, trusts, titoli di credito, e opzioni. I codici ISIN sono assegnati ai titoli per agevolare le procedure di compensazione e regolamento. Sono composti di 12 caratteri alfa numerici e servono a standardizzare i differenti codici delle azioni per uno stesso titolo “che possono variare a seconda del cambio e della valuta”. La struttura del codice e le regole per la sua assegnazione sono stabilite dall'ISO (International Organization for Standardization) nello standard ISO 6166. Questa struttura è stata definita nel 2001 e si caratterizza come segue:

Un codice paese di 2 lettere, tratto da una lista (ISO 6166) redatta dall’Organizzazione internazionale per la normazione (ISO). Tale codice viene assegnato in base all’ubicazione della sede legale dell’azienda. L’utilizzo del certificato di deposito ISIN è unico nel senso che il codice paese del titolo è lo stesso dell’emittente del certificato, e non quello del sottostante. Ad esempio, IT corrisponderà all'Italia, DE alla Germania, USA agli Stati Uniti, FR alla Francia e così via. È assegnato invece un codice speciale, XS per i titoli internazionali compensati da sistemi di compensazione paneuropei come Euroclear e CEDEL. Esempio di Eurobond. Sebbene l'emittente (in questo caso BMW) è un'azienda tedesca è stato assegnato il codice speciale XS.

Un identificativo numerico di 9 cifre chiamato numero identificativo dei titoli nazionali (NSIN) assegnato dalla National Numbering Agency (NNA) a ogni nazione o paese. Se un numero nazionale è composto da meno di 9 cifre, vengono aggiunti anteriormente degli zeri in modo che questo divenga un codice NSIN. L’identificativo numerico non ha alcun significato intrinseco, è semplicemente un numero seriale. In Italia ad avere l’autorità di codifica nazionale è la Banca d’Italia; in Francia è Euronext e in Nord America CUSIP è utilizzato come NSIN. Inoltre, il codice CUSIP è quasi un'immagine speculare del codice ISIN stesso. In effetti, la sua stessa struttura si basa sui codici CUSIP. Ad esempio: questo titolo; qui si vede che il codice ISIN del suddetto Eurobond è US90131HAR66, e il suo codice CUSIP è 90131HAR6. Cioè il codice CUSIP corrisponde ai caratteri NSIN del codice ISIN, quindi si può dire che il codice ISIN si basa sulla struttura del CUSIP con l'aggiunta dei due caratteri indicanti la provenienza geografica dell'emittente e l'ultimo carattere come descritto di seguito.

Il carattere finale, soprannominato “check”, conferma l’autenticità del codice e previene eventuali errori.La cifra è calcolata secondo i precedenti 11 caratteri/cifre e utilizza l’algoritmo modulo 10, prevenendo il rischio di numeri contraffati.

In ogni caso, l'ISO ha ora delegato la gestione e il mantenimento dello standard 6166 ad ANNA (Association of National Numbering Agencies), associazione internazionale di enti e istituzioni finanziarie che svolgono localmente l'attività di agenzie che assegnano i codici.

Uso e finalità dei codici ISIN

L’attribuzione del codice ISIN ha mero carattere identificativo: l’effettiva esistenza, la validità e la legittimità dello strumento identificato attraverso il codice ISIN sono elementi che non competono alla NNA che ne stabilisce la sequenza alfanumerica di identificazione.

A causa delle sue suddette caratteristiche di unicità, un codice ISIN non può essere assegnato a più titoli, sebbene i titoli possano avere caratteristiche simili o addirittura quasi speculari, nel casodi due titoli separati il ​​codice ISIN sarà diverso per entrambi.

Un codice ISIN non va confuso con il simbolo Ticker che identifica un titolo in Borsa. Le azioni di una società possono avere più simboli ticker a seconda delle diverse piattaforme di trading, ma le azioni avranno sempre un solo ISIN.

ISIN è un codice che identifica in modo univoco una specifica emissione di titoli.Gli ISIN vengono utilizzati per numerosi motivi, tra cui compensazione e regolamento. I numeri garantiscono un formato coerente in modo tale che le partecipazioni di investitori istituzionali possano essere monitorate in modo coerente nei mercati di tutto il mondo. Gli ISIN sono stati istituiti nel 1981 ma non sono stati ampiamente accettati fino alla raccomandazione da parte dei paesi del G30 nel 1989. Successivamente, sono stati avallati dalla International Organisation for Standardisation (ISO) con conseguente adozione della norma ISO 6166.

In passato il codice ISIN era considerato una forma secondaria di identificazione del titolo, utilizzato esclusivamente per le procedure di compensazione e regolamento.Recentemente alcuni paesi europei hanno adottato l’ISIN come principale identificativo del titolo. È inoltre implicitamente utilizzato negli Stati Uniti e in Canada in quanto la sua struttura si basa sui codici CUSIP. Con il passare del tempo sempre più paesi sembrano voler impiegare la numerazione ISIN come identificativo sia principale che secondario per l’amministrazione dei titoli.

Nel 2004 l'Unione europea ha incluso l'ISIN tra gli strumenti di identificazione autorizzati rendendolo parte obbligatoria delle relazioni normative.
Termini della stessa categoria