×
Contattaci per una prova gratuita:
+39 3453 53 44 23
Modalità suggerimenti è attiva Disattiva
Glossario

Riba

Categoria — Finanza Islamica
Riba è un aumento in un'operazione di prestito o vendita che matura per il prestatore, venditore o acquirente, senza la fornitura di un controvalore equivalente all'altra parte. Riba è vietato dalla Sharia. Per essere lecito, qualsiasi profitto o beneficio dovrebbe essere legato all'andamento di un bene reale e al suo rischio Riba significa in arabo la crescita e l'aumento di qualcosa.

I giuristi musulmani hanno diviso Riba in due categorie:

1. Riba al-Nasi'ah

È noto come Riba del debito, è considerata la forma principale di Riba. Il consenso degli studiosi musulmani ha affermato che questo tipo di Riba è l'equivalente degli interessi pagati sui prestiti.

Riba al-Nasi'ah consiste nell'aggiunta all'importo principale di un premio predeterminato. Questo premio viene pagato all'istituto di credito in cambio del prestito o in cambio del prolungamento del tempo di rimborso del prestito. È legato all'importo pagato e alla durata del prestito.

2. Riba al-Fadl

È noto come vendite Riba, è il compenso in eccesso a una parte risultante da entrambi:
• Scambio o vendita di determinati beni omogenei
• La vendita differita di alcuni beni omogenei
Riba al-Fadl si verifica quando il valore delle attività offerte da una parte è superiore al valore di quelle offerte dall'altra.

La proibizione della riba nell'Islam:

I musulmani hanno vietato Riba, a causa dei suoi gravi danni alla società, all'economia e alla produzione. Il danno economico sta nel fatto che l'usura è un mezzo improprio per guadagnare quanto segue:
1. Il denaro ottenuto come Riba non arriva come risultato di un lavoro produttivo.
2. Il denaro ottenuto come Riba spinge le persone alla pigrizia e alla disoccupazione e consente loro di aumentare la loro ricchezza senza sforzo
3. Riba porta al fenomeno dell'inflazione nella società.
Termini della stessa categoria