×
Contattaci per una prova gratuita:
+39 3453 53 44 23
Modalità suggerimenti è attiva Disattiva
Glossario

Gharar

Categoria — Finanza Islamica
"Gharar" significa "pericolo" in arabo. Gharar significa incertezza, contingenza o ambiguità in un contratto che è vietato dalla legge della Sharia. Gharar è definito come "la vendita di ciò che non è ancora presente" come raccolti non ancora raccolti.

L'idea di Gharar è quella di prevenire frodi, ingiustizie e il conseguente disaccordo delle parti.

In finanza sono vietati gli strumenti che comportano estrema incertezza. Ad esempio, swap, opzioni, futures, transazioni allo scoperto nel mercato azionario. Allo stesso tempo, la legge della Sharia proibisce l'estrema incertezza, i. e. solo quelle attività che presentano il rischio più elevato. Pertanto, viene fatta una distinzione tra un gharar nominale e un gharar in eccesso. Ad esempio, l'assicurazione commerciale è una parte vitale della vita economica.

Pertanto, le transazioni e i contratti sono considerati un gharar se ci sono rischi eccessivi o incertezza o una parte beneficia solo delle perdite dell'altra parte.

Di conseguenza, la finanza islamica proibisce severamente anche i prestiti fruttiferi, considerati usura.
Termini della stessa categoria