×
Contattaci per una prova gratuita:
+39 3453 53 44 23
Modalità suggerimenti è attiva Disattiva
Glossario

Subordinated bond | Obbligazione subordinata

Categoria — Tipi di obbligazioni
Le obbligazioni subordinate sono obbligazioni il cui rimborso nel caso di liquidazione o fallimento dell'emittente avviene successivamente a quello dei creditori ordinari, comprese le normali obbligazioni definite senior.Le obbligazioni subordinate non sono garantite e quindi hanno un livello di rischio superiore di obbligazioni ordinarie.

Se una società avvia una procedura fallimentare, di conseguenza si verificherebbero inadempienze su tutti i suoi obblighi. Il tribunale fallimentare assegnerebbe i debiti della società in base alla priorità dei pagamenti e richiederebbe alla società di estinguere il debito esistente in base alle attività disponibili. In primo luogo, i rimborsi sono dovuti ai detentori di azioni privilegiate, dopo vengono rimborsate obbligazioni senior non subordinate e arretrati fiscali. Poi viene il turno dei rimborsi per obbligazioni subordinate, sempre se rimangono i fondi sufficenti. I detentori di azioni ordinarie vengono pagati per ultimi. In base all'ordine di priorità dei pagamenti, anche le obbligazioni subordinate vengono suddivise in obbligazioni subordinate senior, subordinate and e obbliazioni subordiate junior bonds.

I detentori di obbligazioni subordinate possono ricevere un tasso di interesse più elevato per compensare eventuali perdite. I mutuatari di obbligazioni subordinate sono spesso rappresentati da istituzioni finanziarie and grandi imprese. Molto spesso gli emittenti collocano contemporaneamente le obbligazioni subordinate e senior. Le banche spesso emettono obbligazioni subordinate per soddisfare i requisiti patrimoniali Tier II piuttosto che a fini di finanziamento (come nel caso delle obbligazioni senior). L'emissione di un'obbligazione subordinata in questo caso è una soluzione più economica rispetto alla capitalizzazione del capitale proprio. In alcuni casi questo consente le detrazioni fiscali nel regime regolatorio più agevolato.

Dal punto di vista dell'emittente, la struttura delle obbligazioni subordinate è ben definita e armonizzata con le nuove normative Basel III (per le banche) e Solvency II (per gli assicuratori). Un altro tipo di titoli subordinati è il cosiddetto Contingent Convertible, che potrebbe essere convertito in azione allo scattare di determinati eventi di bilancio negativi per la società emittente. Le obbligazioni simili per le compagnie di assicurazione sono le obbligazioni RT1 emesse per soddisfare i requisiti patrimoniali ai sensi di Solvency II. Le obbligazioni convertibili condizionali molto spesso possono essere rimborsate dopo un certo numero di anni alla pari, oppure le cedole saranno pagate in via posticipata.

Il settore corporate non deve allinearsi alle norme cogenti, i suoi titoli sono classificati come ibridi. Tuttavia, i titoli ibridi del settore corporate seguono i determinati criteri delle agenzie di rating e sono considerati come un tipo di asset relativamente omogeneo. Secondo la metodologia delle agenzie di rating, i titoli ibridi sono parzialmente presi in considerazione come azioni nel calcolo del rating del credito; di conseguenza lo scopo dell'emissione di titoli ibridi è migliorare il loro rating di credito, ridurre i costi, diversificare i finanziamenti e rifinanziare le emissioni ibride esistenti.
Termini della stessa categoria